Il nostro sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti per inviare materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni e per negare il consenso al loro utilizzo leggi l'informativa.   Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Mercato Gianicolense

l'esplosione dei saluti e del vociare, degli assaggi e delle specialità

Photogallery
1219
Mercato Gianicolense
Piazza S.Giovanni di Dio 00152 Roma (RM) Lazio

Info Mercato

Descrizione:

Se si vuole vedere un mercato di quelli tradizionali, all’aperto, con le classiche “bancarelle”, è d’obbligo una visita al Gianicolense in Piazza San Giovanni di Dio. A ricordare che siamo in città non mancano alcuni box dalle scritte multicolori ma la mescolanza di merci le più svariate, di odori, di suoni ci rimanda ai mercati di paese dove gli abiti in bella vista sulle stampelle e la pelletteria per tutti i gusti sono di fianco agli alimentari o, magari, ai cd.

È una atmosfera di festa per il movimento e il vociare, i richiami e i saluti e, mentre ai banchi di specialità mangerecce o alle mescite di “vino sfuso di qualità” l’assaggio è un rito  e la signora anziana sta “sgranando i fagioli”, lì accanto le collanine colorate e la bigiotteria etnica ci fanno capire che passato e presente convivono fianco a fianco. In un percorso tra i banchi, colpisce il bel disegno che orna la scritta “Da Riccardo e Valentina verdura fresca e genuina” mentre l’Agricola offre “Uova fresche tutti i giorni”.

C’è più che altrove un modo singolare di pubblicizzare le proprie merci in una gara di scritte piuttosto vistose, tali da non passare inosservate.

Alle grida di una volta si è sostituito un invito meno rumoroso e più esplicito.

In realtà, il mercato rionale al dettaglio Gianicolense ha bisogno di una urgente ristrutturazione al cui progetto lavora, con altri operatori fra i 125 attivi in ogni settore, Lino Brandimarte Cavaliere del Commercio - dopo anni di onesto lavoro - precisa lui con orgoglio.

Parlare con Lino è come ripercorrere la sua storia personale e insieme quella del mercato dove è approdato negli anni ’70 e, poi stabilmente, nell’83. Originario di Castelluccio di Norcia, ha nel cuore Roma e l’Umbria, ed è un esempio di dedizione al lavoro e professionalità. Nei metri quadrati del banco ha mostrato le sue capacità commerciali e ha dato un senso alla sua vita familiare.

- Chi non è dei nostri, non può capire perché facciamo tanti sacrifici - afferma convinto. Diplomato ragioniere, già autista dell’Atac, era tornato al suo primo amore, al mercato appunto dove, appena sedicenne, aveva iniziato ad apprendere le basi del mestiere. Nella struttura del Gianicolense inaugurata dopo le Olimpiadi del ’60 ha conosciuto la moglie Filomena, ora “regina” indiscussa del banco, ed allevato i suoi quattro figli. Una volta una ragazza gli aveva chiesto - ma sotto il banco tenete i “micetti”? - 

- C’è un segreto solo - Lino aggiunge giustificando la propria scelta - l’amore per questo lavoro, per questo ambiente che ha ancora un’anima. -

Non gli pesa la sveglia mattutina quando va incontro alla figlia, sposata con un grossista di Aprilia, che gli rifornisce il banco. Un altro figlio ha un grande magazzino sempre nel campo dell’orto-frutta. Una vera dinastia quella dei Brandimarte di cui l’uomo va fiero come della fiducia dei nuovi clienti sempre più numerosi in un momento di crisi e della fedeltà di quelli di vecchia data.

- Ma lo sa da quanto tempo ci conosciamo? - aveva puntualizzato una signora - ci incontrammo al cinema Ariel e sua moglie aveva capelli neri lunghissimi. L’attaccamento - conclude Lino - è per la famiglia, per il mercato e… per la Roma… che seguo ovunque -

Camminando incontriamo “L’orto di Laura”, illuminato al neon come gli altri box, ben sistemato e reclamizzato con fantasia. I suoi motti? “Il nostro obiettivo è la soddisfazione del cliente”, “Qualità e freschezza quotidiana sulla vostra tavola”. Campeggia anche una foto gigante che ritrae le tre generazioni, “La nonna, i genitori, Laura” in una continuità che è dedizione al proprio lavoro.

Emerge un dato piuttosto interessante. Spesso sono le donne a dare il via ad una dinastia di mercatari acquistando per prime la licenza e così quel mondo con loro si arricchisce di accoglienza e gradevolezza.

Attrattiva del Gianicolense è “Gino’s Music Shop” vasta scelta di balli latino-americani, musica per tutti i gusti e per ogni età, “cd originali italiani e romaneschi”. E chi più di Alberto Sordi in “Un americano a Roma” può incarnare la tipicità romana? E infatti è lì, immortalato nella scena più famosa del film, quando non sa resistere alla “provocazione” dei maccheroni.

Informazioni Generali

Frequenza: Giornaliero
Orario di apertura: lunedì - sabato dal 7.00 al 14.00
Ortofrutta (n. attività): 26
Carne (n.attività): 8
Gastronomia (n. attività): 11
Fiori (n. banchi): 2
Altro (n. attività): 22

Riferimenti/Contatti

Dati aggiornati al 2011
© 2014 unicaitalia / methos / all right reserved
Oggetto aggiunto al tuo carrello